“Ci si potrebbe fidare di spendere £ 100.000 su un cavallo ma non scommettere più di £ 100” | Notizie di corse di cavalli

” title=”Il proprietario Tom Morley con l’eroe di King’s Stand Goldream” class=”js-imageLoader” data-at-xn=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81458 -medium.jpeg” data-br-n=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81458-medium.jpeg” data-br-m=”https:/ /www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81458-large.jpeg” data-br-w=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/ 08/09/81458-large.jpeg” data-br-xw=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81458-large.jpeg” onclick=”return false ;”>

Il proprietario Tom Morley con l’eroe di King’s Stand Goldream

Di Peter Scargill

Il principale proprietario Tom Morley, che ha assaporato il successo di Royal Ascot con Prohibit e Goldream, ritiene che la potenziale introduzione di controlli di accessibilità eccessivi sui conti scommesse sarebbe “disastrosa” per le corse britanniche, uno sport che descrive come “malato” a causa dello scarso montepremi .

Morley ha tracciato parallelismi con altre aree di spesa discrezionale, chiedendo perché potrebbe spendere £ 100.000 su un cavallo da corsa senza fornire prove finanziarie dettagliate dell’impatto che avrebbe sulle sue finanze, mentre gli attivisti chiedono al governo del Regno Unito di implementare controlli di accessibilità draconiani attivati ​​a solo £ 100 al mese.

“Penso che sarà disastroso se verranno introdotti gli assegni più seri”, ha detto Morley, facendo eco ai timori espressi da Andrew Black nel Racing Post di martedì. “Le corse britanniche sono già malate, penso che sia la parola giusta da usare, e siamo dietro a molte altre nazioni da corsa, quindi se c’è un calo delle scommesse ciò avrà un impatto sul montepremi e peggiorerà solo la situazione di quanto non sia già è.”

Morley ha rivelato di aver ridotto la propria attività di scommesse e dice che rifiuterà se una società richiederà dettagli finanziari per conformarsi a qualsiasi nuova legislazione.

“Sento che ci deve essere anche una certa responsabilità personale in tutto questo”, ha detto. “Non scommetto tanto come prima, ma sto limitando ciò che deposito e poiché prelevo non voglio arrivare in un luogo in cui faccio scattare un avviso e mi vengono chieste tutte queste informazioni che non voglio consegnare.

“Quindi, in effetti, i controlli stanno già avendo un impatto senza che io debba effettivamente fare nulla”.

Marco Cranham

” title=”Prohibit segna sotto Jim Crowley per dare a Tom Morley il suo primo successo in King’s Stand” class=”js-imageLoader” data-at-xn=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020 /08/09/81455-medium.jpeg” data-br-n=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81455-medium.jpeg” data-br- m=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81455-large.jpeg” data-br-w=”https://www.rp-assets.com/ images/news/2020/08/09/81455-large.jpeg” data-br-xw=”https://www.rp-assets.com/images/news/2020/08/09/81455-large.jpeg ” onclick=”return false;”>
Prohibit scores sotto Jim Crowley per dare a Tom Morley il suo primo successo in King's Stand

Prohibit scores sotto Jim Crowley per dare a Tom Morley il suo primo successo in King’s Stand

Marco Cranham

Gli attivisti anti-scommesse stanno facendo pressioni sul governo per introdurre controlli di accessibilità attivati ​​da una spesa di appena £ 100 al mese come parte della sua revisione in corso delle leggi sul gioco d’azzardo.

Gli oppositori ritengono che tali controlli allontaneranno molti scommettitori da aziende legittime, contribuenti e generatrici di entrate e nelle braccia di operatori illegali.

“Chi è qualificato per giudicare ciò per cui puoi e non puoi permetterti di spendere i tuoi soldi?” chiese Morley.

“E perché si applica solo a questo? Nessuno mi ferma se voglio entrare in un negozio e spendere 100 sterline in scarpe, vero?

“Se ci pensi dalla posizione di molti proprietari, quando acquistano cavalli ai saldi spesso ricevono credito. Questo può essere un importo notevole e le società di vendita si fidano di loro per pagare i loro conti.

“Sarebbe ironico se fosse il caso in cui ci si potesse fidare di un proprietario a spendere £ 100.000 per un cavallo e pagarlo, ma non gli fosse permesso di scommettere più di £ 100 sul cavallo senza dimostrare di potersi permettere di farlo”.


Leggi di più su questo argomento:

“Dobbiamo combattere” – Andrew Black afferma che i controlli di accessibilità potrebbero distruggere le corse

“Il settore dovrebbe guardare a come le persone scommettono, non necessariamente a quanto”

‘Una vera minaccia’: la minaccia del mercato nero viene presa sul serio?

Dentro il mercato nero: grossi bonus, gestori personali e niente tutele

La revisione del gioco d’azzardo potrebbe essere un “proiettile in mezzo agli occhi” per le corse, avverte John Gosden


Iscriviti per ricevere Sul naso, la nostra essenziale newsletter quotidiana, dal Racing Post. Il tuo feed mattutino imperdibile, direttamente nella tua casella di posta elettronica ogni mattina.


PRIMA PUBBLICATO ALLE 19:17, 11 MAGGIO 2022

Leave a Comment